Translate

mercoledì 23 ottobre 2013

mentre il mondo cade a pezzi....



Il mio mondo cade a pezzi....

Che significa?

Che ogni cosa su cui appoggiavo crolla, mi perdo
vado in crisi...

Il lavoro vacilla, i soldi non ci sono, la famiglia è un casino l'amore è finito...rimane solo la salute..forse.

Ora, per aiutarvi a capire vi racconterò una storiella:

Sono solo, sono completamente solo, non sto male per questo, basto a me stesso, sono tutto, ma mi manca una cosa...la consapevolezza di essere, non so cosa significa non essere e quindi di conseguenza nemmeno so bene cosa significa essere. perchè non c'è un inizio e una fine, nè un prima nè un dopo, nè un qua o un là, sono tutto, quindi non c'è movimento che possa fare, o tempo che scorre, dato che non c'è nè inizio nè fine. Che senso ha per me essere?

In fondo per uno che non ha mai bevuto che senso ha la sobrietà? Nessuna non essendo mai stato ubriaco. ebbro di alcool, non può riconoscere il valore della sobrietà. Questo se ci pensate, vale per ogni cosa.

Ecco perchè mi sono perso, mi sono dimenticato di chi sono per sperimentare ciò che sono, mi sto ritrovando da una condizione totalmente nuova, cioè dall'illusione di essere tanti, vedo attorno a me tante cose, persone, fatti, pensieri, emozioni, sensazioni, in realtà sono sempre io, ma io non lo so, perchè mi sono dimenticato di essere tutto, sono finito in un illusione, che pare proprio reale, che ho costruito ala perfezione, dove non posso uscire, anche se mi illudo di poterne uscire con un concetto inventato che ho chiamato morte, ma che in realtà mi riporta ad un nuovo inizio, un'altra tappa dell'enorme cammino, tanto per me che problema c'è, ricordate vivo nell'infinito senza prima nè dopo, senza inizio nè fine,...l'unica via di uscita e osservare e percepire...divenire la percezione stessa. Divenire...essere.
Ora io vedo un oggetto, lo percepisco attraverso un veicolo che mi permette di portare a coscienza le sensazioni, io le percepisco, io sono la percezione stessa, la coscienza che sente, vede e tocca...
Ora in questo scenario chi pensate che siano le persone che mi parlano? E fatti che mi avvengono? Le malattie? La crisi?
Il dolore e la sofferenza chi pensate che siano? Nemici? E cosa sono? Un termine inventato in quest'illusione, come ci può essere un mio nemico, io sono tutto...ebbene sono MESSAGGERI
Messaggeri che ho messo sul mio cammino, perchè io ho uno scopo, ben preciso, cioè ricordarmi chi sono, divenire ESSERE.
So bene, sapevo bene che dimenticandomi di me, potevo rimanere intrappolato per moltissimo tempo in un illusione che poteva divenire una prigione dalla quale non uscire mai, ecco perchè ho disseminato il mio cammino di messaggeri, parti di me che con amore prendono coraggio e vengono a ricordarmi la strada che devo fare, che ho scelto di fare, per ricordarmi di me.

Ma a che scopo dimenticarmi di me per poi ricordarmene di nuovo e con così tanta fatica?
Perchè ora che sono di nuovo me, per esserlo ho fatto dei passi, cosi tanti che si perdono nell'illusione del tempo e dello spazio, ma ognuno di quei passi fa si che io sappia cosa significa essere Dio, perchè ci fu un tempo che mai esistette per davvero dove Io non fui...