Translate

lunedì 2 dicembre 2013

un nuovo modo di imparare

Negli scorsi articoli ho parlato di messaggeri (mentre il mondo cade pezzi e i messaggeri).

Ora la domanda è:
se l'essere umano è guidato, protetto e ci sono cosi tanti indicatori della strada, del cammino, perchè fa così tanta difficoltà ad apprendere, ad evolvere? Perchè sembra ripetere all'infinito sempre gli stessi errori?

Infatti tutti sembra che ci ritroviamo continuamente nelle stesse situazioni, economiche, sentimentali, di salute e via dicendo. Le cose cambiano, ma poi sembra che ci ritroviamo sempre davanti agli stessi problemi.
Classico è l'esempio della donna che sta con un uomo violento, dopo tempo si decide a lasciarlo, incontra un uomo dolce, che non ha mai avuto questioni con la violenza, e dopo un po' di tempo che stanno insieme ecco che lui diventa violento. Ovviamente questo è un esempio, possiamo fare lo stesso esempio con la gelosia, con il lavoro (cambio lavoro perchè ho un problema e lo stesso si ripresenta nel nuovo lavoro) e cosi via...

La saggezza si acquisisce con le esperienze, il saggio e colui che memore delle lezioni imparate dalle esperienze nè fa tesoro e agisce di conseguenza.

Lo stolto, o il comune essere umano, agisce invece come un robot, un automa che non ricorda niente, non usa ciò che ha e ripete all'infinito le esperienze finchè non vengono incamerate nella sua coscienza  nello stesso modo in cui avviene in natura. I cambiamenti in natura sono lenti, mutamenti che avvengono nel tempo dal continuo ripetersi di un azione, lo scorrere dell'acqua nel medesimo punto creerà un solco ad esempio.

ATTENZIONE: coscienza non significa conoscenza. Tutti sappiamo che certe cose sono dannose per noi e che sono esperienze già fatte e che potremmo agire in altro modo, ma poi alla prova dei fatti, durante l'evento agiamo, secondo coscienza, cioè secondo il nostro grado di evoluzione raggiunto, non secondo ciò che sappiamo.

Quindi siamo destinati a ripetere le situazioni finchè non si creerà un solco dentro di noi, l'esperienza che sarà acquisita?

Impariamo invecchiando e quando siamo vecchi e saggi non possiamo goderci nulla o quasi nulla di ciò che abbiamo imparato e quindi iniziamo a dire agli altri cosa dovrebbero fare perchè noi non possiamo più fare da esempio vivente.

Apriamoci ad un nuovo modo di imparare, non alla ripetizione continua che ci cambia, ma apriamoci ad essere nuovi ad ogni singolo evento, ad ogni singolo respiro...

Si può imparare veramente senza dover ripetere gli eventi SVEGLIANDOSI e ora di svegliarsi 

grazie