Translate

martedì 7 giugno 2016

CONOSCERE SE STESSI A SCUOLA




Questo articolo lo dedico con tutto il mio Cuore a Salvatore Brizzi, una straordinaria anima attualmente incarnata sulla terra. Lo ringrazio dal profondo.

Chi fa un lavoro su di se prima o poi si chiede che bello sarebbe stato imparare certe cose a scuola, oltre la matematica e la grammatica imparare a conoscersi, a usare la propria mente, le emozioni e il proprio corpo, sentendolo e conoscendolo profondamente, la scuola dovrebbe fare proprio questo, ma in un mondo di dormienti una scuola del genere non esiste, perché la scuola, come tutto, riflette il nostro stato di coscienza.
Ma per chi sta facendo i primi timidi passi verso la vetta dell'Olimpo è tempo di entrare nelle scuole e portare il messaggio, l'Insegnamento.

C'è ancora chi crede che la magia sia fatta di rituali e incantesimi strani e demoniaci, c'è ancora chi crede che sognare sia una perdita di tempo e che l'arte sia roba inutile, per pochi.
Per aprire i nostri occhi mettiamoci al servizio, solo ciò che doniamo agli altri è nostro per sempre. (come dice Victoria Ignis, vedi “Il libro di Draco Daatson Il regno del Fuoco” Antipodi Edizioni).

Sono tornato a scuola (la precedente esperienza è descritta qui), sono stato due ore in una prima e due ore in una seconda, parlo di scuola media. Entrambe le classi hanno visto un breve video del dottor Quantum e poi in cerchio abbiamo parlato del mondo invisibile, di energia, pensiero, emozioni, percezione di se. Abbiamo provato a sentire le varie parti di se, provando a sentire il corpo ad occhi chiusi, le emozioni legate a ricordi... per parlare abbiamo usato sempre il sistema del bastone (vedi post precedente) e abbiamo parlato di ricordo di se, presenza e amore.

Che cosa gli è rimasto da questa esperienza ai ragazzi?

Il giorno dopo gli è stato chiesto di scrivere su un foglio, senza firmarsi, anonimamente, un commento sulla giornata con me. Ecco qui i loro commenti, parlano da soli, ma alcuni li commento, i miei commenti sono tra parentesi. Spero gli perdonerete gli innumerevoli errori grammaticali, ma la stanno studiando la grammatica, dategli un po' di tempo...

- A me è sembrato molto interessante quest'incontro con Marco, mi sono rilassata, solo che mi sono completamente scordata di dire “sto passando sotto una porta”.
(ci sono adulti che non se ne ricordano prima di una settimana o un mese, lei il giorno dopo se ne ricordava eccome!!!)

- Mi è piaciuto quando abbiamo parlato di quello che avevamo provato quando abbiamo provato a concentrare l'energia nel piede. A dire il vero la lezione mi è piaciuta tutta quanta, perché ognuno ha detto quello che ha provato senza avere timore di essere giudicato. E stata una lezione illuminante. -
(quanti anni avrà quest'anima???)

- La giornata di ieri mi è piaciuta tanto perché ho iniziato a controllare il mio corpo, ovvero la mia mente. Ho conosciuto meglio la paura e mi sono conosciuto meglio. Ho imparato più cose su di me e non sul corpo umano in generale. Tipo la cosa se ti fai male e dici grazie nella tua mente appoggiando la mano sul posto del dolore.
(esercizi avanzati:-)

- E stato un incontro interessante ed espressivo mi sono aperta e mi sono sentita meglio e Marco era un ottimo istruttore e spero che torni.
(una delle cose più belle è stata vedere sparire la paura del giudizio e la timidezza di chi non parla mai e vederli finalmente esprimersi, aprirsi)

- Il Mago Marco. A me ieri con Marco mi è piaciuto molto fare il giro del bastone come fanno ancora oggi gli indiani e anche quando dovevamo riflettere sui momenti paurosi.
(riconoscere la paura per quello che è, niente di cosi terribile, non serve scappare :-)

- L'esperienza di ieri è stata molto interessante e mi è piaciuta molto, soprattutto in quei momenti dove tutti dovevamo stare zitti con gli occhi chiusi e in quei pochi secondi mi sentivo calmo. Vorrei dire mille volte grazie a Marco per i momenti di calma che mi ha regalato ieri.
(mille volte grazie a te anima splendente)

- Ieri è stato molto interessante con Marco perché ho provato tant'emozioni tutti insieme ed è stato strano.
(separa lo spesso dal sottile)

- L'esperienza di ieri mi è piaciuta molto e all'inizio quando avevo la penna in mano non sapevo cosa dire però poi ho parlato. Mi sono molto divertita e lo vorrei rifare.

- L'esperienza di ieri è stata molto coinvolgente ed appassionante, e vorrei che risuccedesse un'altra volta, perché nel modo in cui Marco “spiega” è molto bello, e ti fa sentire anche un po' più “libero”.

- La giornata di ieri. Ieri è stato molto bello la giornata con Marco e mi è piaciuta che ci ha portato nuove esperienze e la cosa che non mi è piaciuta e che è durato poco.

- La giornata di ieri è stata molto divertente specialmente perché il signore che ci ha fatto lezione era molto coinvolgente. Ci ha fatto fare molti esercizi di rilassamento e mi sono sentita strana come se la mia testa fosse libera da tutti i problemi, i sapere fossero andati via. Grazie a Marco ho capito un sacco di cose. Quindi grazie a lui e alla prof pk' ce lo ha fatto conoscere ❤

- Mi è piaciuto vorre provare ha fare questa nuova esperienza, era anche divertente e molto utile spero torni. Marco era sempre sereno e mi ha fatto riflette anche sul fatto che non tutto è come crediamo. :)

- Mi è sembrato divertente fare qualche cosa di diverso. È stato bello vedere come diventare dei maghi

- L'incontro con Marco è stata un'esperienza molto bella. Ci ha insegnato come calmare la rabbia e come rafforzare la gioia. Mi è piaciuto moltissimo! Spero che torni a fare “lezione”.

- L'incontro di ieri con Marco è stato interessante ma anche divertente. Abbiamo fatto di tutto ma la cosa che mi è piaciuta di più era quella del bastone mi sono divertita molto, spero che Marco ritorni.

- All'incontro di ieri con Marco io mi sono molto divertita ma mi sono anche un po' spaventata soprattutto quando ci ha dato l'esercizio che dovevamo tenere gli occhi chiusi ma io non ci sono riuscito perché con gli occhi chiusi non sapevo cosa succedeva in torno a me.
(interessante, un contatto controllato con la paura e sulle ragioni della sua paura)

- Allora a me è piaciuto sta cosa perchè ci ha detto delle cose che io non sapevo nulla e quindi me so divertito tantissimo ed era troppo figo.

- Ieri quando Marco ha detto chiudete gli occhi resta calmo e respira mi sono sentito calmo perchè io non avevo mai fatto questo nella mia vita. Nel cerchio ho avuto paura di parlare, non lo so perchè ma grazie Marco.

- Ieri insieme a Marco mi sono divertito molto perchè mi sono divertito parlando dei sentimenti più nascosti e come non provarli o come impedire di venire come: paura, felicità e rabbia. La cosa che non mi è piaciuto è che i miei compagni non rispettavano il turno parlando senza lasciar nessuno parlare come ------ (non è una critica, ma mi dava fastidio e mi devo sfogare con qualcuno)
L'argomento che mi ha colpito di più è la paura di fare una cosa.

Grazie ragazzi e grazie Daniela.

Un grazie profondo va agli insegnanti che hanno ceduto le loro ore per realizzare questi incontri e al preside della scuola.

Ogni giorno della mia vita e ogni respiro e dedicato all'Amore, mi allontano spesso da casa, ma ogni volta volgo i miei passi verso il Cuore finchè non ritornerò a dimorarci, attimo dopo attimo per l'eternità.